Loading...

Blog.

Eventi, news e approfondimenti

Mottarone, terrazza su sette laghi

Il Mottarone è un massiccio collinare-montuoso di 1492 m che separa il Lago Maggiore dal Lago d’Orta, tra le province di Novara e Verbano-Cusio-Ossola. Facilmente raggiungibile e di grande interesse paesaggistico, comprende un’area densa di attrazioni turistiche alla portata di tutti. Ve ne proponiamo alcune, a tracciare un ideale percorso da compiere in giornata.

 

1. Salita in funiva
La strada che porta in vetta è piacevole e divertente, soprattutto per i motociclisti, ma il modo migliore per arrivarci è… sospesi in aria.
Partendo da Stresa, località senza bisogno di presentazioni che dà accesso anche alle magnifiche Isole Borromee, si sale al Mottarone attraverso una storica funivia panoramica riattivata di recente: in 20 minuti circa si passa dal lago alla montagna, con possibilità di caricare la bici e proseguire poi il percorso pedalando.
Info su orari e costi su stresa-mottarone.it




2. Giardino Botanico Alpinia
Situato all’arrivo del primo tratto di funivia (800 m.), questo giardino di 40.000 m² ospita più di mille specie botaniche provenienti dalla fascia alpina e subalpina, nonché dal Caucaso, dalla Cina e dal Giappone. Si accede con un ticket di 4€ e in seguito si procede attraverso un percorso circolare, che comprende incredibili scorci sul Lago Maggiore, una sorgente d’acqua e una Capanna Belvedere dove sedersi e contemplare la natura circostante. Costituito nel 1934 e da allora gradualmente cresciuto in estensione,  il giardino Alpinia è luogo ideale dove fare passeggiate rigeneranti e inebriarsi degli aromi floreali.

 



3. Alpyland e Ski area

Per quelli che non cercano tranquillità ma un po’ di sano divertimento, è sufficiente proseguire verso la cima: da qui parte l’Alpine Coaster, un’attrazione simile alle montagne russe, tutta in discesa, con la particolarità che ogni utente può decidere la velocità alla quale affrontare il tracciato.   1.200 m di lunghezza su un dislivello di 100m a picco sul lago Maggiore, per un’esperienza adrenalinica da fare in qualsiasi stagione ed a qualsiasi età.
Riguardo al comprensorio sciistico, è dotato di  17 piste per un totale di 15km, con la presenza di un campo scuola sci e una pista da bob. Tutte le info su Mottarone.it

 



4. Panorama in vetta

Il Mottarone è considerato uno dei balconi naturali più belli d’Italia. Lo stupefacente panorama dai suoi 1492 metri di altitudine consente di spaziare a 360° dalla pianura Padana alle cime delle Alpi, dalla vetta del Monte Rosa alla vista di ben sette diversi laghi: lago Maggiore, lago di Mergozzo, lago di Varese, lago d’Orta, lago di Comabbio, lago di Monate e lago di Biandronno!
Sedetevi al tavolino di una delle baite presente in vetta, oppure adagiatevi su uno dei prati circostanti e semplicemente godetevi la vista e l’aria sottile.




5. Villa Pizzini
Pranzare o persino soggiornare in un edificio ottocentesco situato proprio qui? Potete farlo a Villa Pizzini, un intimo ristorante con camere recentemente tornato a nuova vita grazie alle cure di Ivan e Sabina. Il menu, in costante evoluzione, segue la stagionalità delle materie prime ed è abbinato ad un’ampia carta dei vini che propone anche etichette di piccoli produttori dell’Alto Piemonte. Villa Pizzini organizza inoltre serate a tema, degustazioni guidate e pacchetti avventura.



6. Percorsi ad anello
Relax e divertimento certo, ma la montagna è anche e soprattutto trekking. Per camminare zaino in spalla è sufficiente scegliere uno dei percorsi circolari di diversa lunghezza e difficoltà e seguire le indicazioni: Grande anello del Mottarone, Anello della vetta, Anello baby ed Anello palestra di roccia: tracciati e descrizioni sono visibili su questo documento PDF.
Si cammina tra faggi, betulli e conifere, con la possibilità di vedere volpi, scoiattoli, lepri ed ungulati immessi a scopo di ripopolamento come cervi, caprioli e cinghiali.


 

Per concludere, un breve cenno ai prodotti tipici assolutamente da provare se venite da queste parti: la Toma del Mottarone, prodotta con antiche tecniche tradizionali in alcuni alpeggi sottostanti la vetta e l’Amaro del Mottarone, un infuso di colore ambrato che si ottiene da trenta qualità di erbe, radici, fiori e spezie.